Montmelò: Vittima di un incidente il pilota spagnolo Luis Salom (Moto2)

Salom_Louis__gpOggi un grave incidente ha funestato le prove del Gran Premio in corso sul tracciato del Montmeló a Barcellona. Luis Jaime Salom, pilota spagnolo, è nato Palma di Maiorca il 7 agosto 1991 è deceduto a seguito di un incidente capitato nel corso delle prove della Moto2.

Nella foto un’immagine recente, che lo ritrae il lacrime sul secondo gradino del podio a Losail mentre ringrazia la madre e la famiglia per la vicinanza nei momenti difficili. .

Luis Salom ha debuttato nel mondiale nel 2009 come wild card al Gran Premio di Spagna in sella a una Honda 125cc arrivando alla fine al 23° posto. Poi ha partecipato alle ultime dieci gare della stagione, il suo miglior risultato fu il sesto posto al GP di Gran Bretagna. Nel 2010 è diventato pilota della scuderia Lambretta Reparto Corse, ma nonostante che nel Gran Premio di Spagna abbia primo punto stagionale il team decise di sostituirlo con l’olandese Michael van der Mark. Luis si accasa Nonostante tutto riesce ad accasarsi con il team Stipa Molenaar Racing che lo ingaggia al posto di Quentin Jacquet. Ottiene come miglior risultato un quinto posto in Portogallo e termina la stagione al 12esimo posto con 72 punti. Nel 2011 passa alla squadra RW Racing GP su Aprilia RSA 125. Insieme alla moto italiana Salom raggiunge un sensazionale primo podio al Dutch TT e un secondo posto alla gara di casa terminando ottavo in classifica iridata. Nel 2012 rimane nello stesso team e corre nella nuova classe Moto3 su Kalex KTM. Ottiene le sue prime vittorie a Indianapolis e al MotorLand, quattro secondi posti in Spagna, Gran Bretagna, Repubblica Ceca e a San Marino e due terzi posti in Portogallo e in Germania; conclude la stagione al secondo posto con 214 punti. Nel 2013 passa al team Red Bull KTM Ajo vincendo sette gare: Qatar, Italia, Catalogna, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Gran Bretagna e Malesia, due secondi posti in Spagna e in Germania, tre terzi posti al Gran Premio delle Americhe, in Francia e in Australia. È una delle promesse del motociclismo internazionale con un annata contraddistinta anche da quattro pole position; termina la stagione al terzo posto con 302 punti. Nel 2014 passa in Moto2, alla guida della Kalex del team HP 40. Ottiene un secondo posto in Italia e un terzo posto in Argentina e conclude la stagione all’ottavo posto. Nel 2015 rimane nello stesso team mentre nel nel 2016 passa alla scuderia SAG, sempre con Kalex, arrivando secondo in Qatar. Negli anni vissuti nelle categorie più piccole classe leggera ha sviluppato la caratteristica di pilota incredibilmente aggressivo e spettacolare. Ha conquistato un totale di 22 podi, nove vittorie e quattro pole in classe leggera. Non ha mai sollevato il titolo ma è stato visto come un campione agli occhi di molti e il suo passaggio alla classe intermedia è stato attesissimo. Ci sono voluti solo tre gare per arrivare a primo podio nel Campionato del Mondo Moto2™, terzo in Argentina nel 2014, migliorandosi poi al sesto round con uno splendido secondo posto al Mugello. La sua seconda stagione con il team Pons ha dimostrato di essere più impegnativa conquistando comunque otto top ten e lottando con i piloti di vertice in molte occasioni. Al momento era 10° nella classifica iridata con 37°

Comments are closed.