Misano: WSBK (Rea- Kawasaki, bis) e WSS (Sofuoglu-Kawasaki) come d’abitudine. Stock 1000 Mahias (Yamaha).

superbike-misano-2016Si corso a Misano l’ottavo round dei Mondiali Superbike e Supersport, con risultati scontati con una monotonia che deprime. Prima di parlare dei risultati è opportuno sottolineare che il pubblico a disertato l’impianto adriatico, sabato è stata una desolazione, domenica poco di più. Il “ras” della Dorna Ezpeleta, quanto è stato intervistato, è parso manifestare rabbia e delusione, insofferenza per le domande relative alla necessità di procedere con una revisione completa del progetto: regolamento e format compresi. In proposito non è possibile sottolineare la gestione generale, commenti inclusi, di sapore “goliardico”. Sperabile che la situazioni sia esaminata con attenzione e decisioni conseguenti. Altrimenti dovranno farlo i soggetti che sostengono questa manifestazione, in Romagna a cominciare dagli Enti pubblici.

SUPERBIKE – GARA1 - Esito scontato con la Kawasaki che non ammette intrusioni, una faccenda da regolare fra i due piloti ufficiali. Ha vinto Jonathan Rea, davanti al suo compagno di squadra Tom Sykes. Il Campione del mondo in carica è tornato sul primo gradino del podio con una gara d’attesa il sia al compagno di squadra e lo ha superato nei giri finali con apparente facilità. Alle spalle dei due si è piazzato Michael van der Mark, Honda, Fuori gioco la coppia dei piloti Ducati con Chaz Davies messo fuorigioco da una “toccata” ad inizio gara che lo ha costretto ad una furiosa rincorsa. Fuori pista anche Davide Giugliano come Nicky Hayden. Lorenzo Savadori è incappato in una caduta, scivolando nella ghiaia con la sua Aprilia senza poter tornare in pista a disputare la prima manche di Misano. Gara dignitosa da parte di Niccolò Canepa , sostituto dell’infortunato Sylvain Guintoli (Yamaha) che ha concluso in settima posizione. Ottavio Leon Camier sulla MV Agusta che ha fatto.

SUPERBIKE – GARA2 - Il leader in Campionato ha replica il risultato di gara1 ed ha aumentato il vantaggio al termine di una gara condotta con un ritmo incisivo a ridosso di Tom Sykes per poi lascialo nel finale con una attacco micidiale. Rea ha vinto, e Sykes si è arreso come indicano i tre secondi di svantaggio accumulati in pochi giri, senza nessun accenno di replica al sorpasso. Davide Giugliano ha recuperato dopo la caduta in Gara1 e andando a completare il podio. Al terzo giro si è conclusa la gara di Chaz Davies incappato in una caduta, che ha portato per terra con sé Michael van der Mark che non ha potuto evitare il gallese. Entrambi i piloti hanno ripreso la corsa tentando di recuperare, Ma Davies è dovuto rientrare al box, al contrario l’olandese è ripartito e ha concluso la gara in decima posizione. Quarta posizione Xavi Forés (Ducati) che ha ottenuto la quarta posizione, davanti a Lorenzo Savadori su Aprilia. Ancora un onorevole piazzamento per Canepa (9°). S i rafforza il leader Reja p. 343 nella classifica generale, seguito da Sykes p.277. Davies p244 e Giugliano p. 165.

SUPERSPORT – Il Campione del mondo in carica Kenan Sofuoglu (Kawasaki) ha ottenuto un’altra spettacolare vittoria in davanti a Federico Caricasulo (Honda) e PJ Jacobsen (Honda), dopo aver fatto una lotta a tre fino alla fine. Il poleman Caricasulo è salito sul secondo gradino del podio nel suo primo anno da debuttante, battendo Jacobsen nonostante l’americano abbia maggiormente dominato la gara. Gino Rea, GRT Racing (MV Agusta) , ha concluso in quarta posizione , davanti a Randy Krummenacher (Kawasaki) che ha completato così la top 5. Nel corso del nono giro è uscito di scena il vincitore delle ultime due gare a Misano, Jules Cluzel (MV Agusta) che alla curva sei ha perso ogni possibilità di conquistare il terzo successo consecutivo sulla costa Adriatica, mentre stava recuperando dal piccolo incidente al primo giro.Alessandro Zaccone, leader della Stock 600 europea, dopo una partenza veloce e aggressiva, è stato costretto al ritiro a causa di un problema tecnico. Lorenzo Zanetti (MV Agusta) ha fatto una buona rimonta e ha ottenuto il sesto posto, dopo esser partito dalla sedicesima posizione in griglia. Lo hanno seguito Alex Baldolini e Axel Bassani, pilota meglio piazzato in gara della della FIM Europe Supersport Cup. Nella classifica iridata si rafforza la leadership di Sofuoglu p. 146, seguito da Krummenacher p. 29, Jacobsen p. 92; 6° Caricasulo po. 74.

COPPA FIM STOCK 1000Il leader Raffaele De Rosa (BMW) e Leandro Mercado (Ducati) hanno dato spettacolo fino all’ultimo giro, quando sono caduti entrambi. Nel corso dl giro finale, alla curva del carro a fine le rettifilo i due sono entrati in collisione finendo nella ghiaia e il pilota Yamaha Lucas Mahias ha vinto il cosi la gara, davanti ai due italiani Kevin Calia (Aprilia) e Marco Faccani (Ducati). Indubbiamente de Rosa ha forzato la stacca nel tentativo disperato di superare l’argentino a poche curva dalla fine. Toprak Razgatlioglu (Kawasaki) ha tagliato il traguardo in quarta posizione, ha preceduto Roberto Tamburini (Aprilia) che non replicato al rush finale del turco. Luca Vitali ha concluso sesto davanti a Matteo Ferrari, Jeremy Guarnoni e Andrea Mantovani. Il rookie Michael Ruben Rinaldi, che era stato frenato da un problema tecnico nelle qualifiche, ha portato la sua Ducati dall’ultimo posto della griglia a completare la top ten dopo una “laboriosa” rimonta. Nella classifica generale De rosa resta leader con p. 82, davanti a Mercado p.77, seguiti da Calia p.66 e Rinaldi p.53.

 

Comments are closed.