Beatrice Bossini: vittima di una pista (Rijeka) dove sono stati numerosi i lutti italiani.

Beatrice Bossini, è deceduta il 12 agosto 2009, sulla pista di Rijeka in Croazia, nel corso di alcuni test d’allenamento.

Aveva 18 anni, toscana di  San Giovanni Valdarno, ha perso la vita in seguito ad una caduta mentre provava la sua moto. In vacanza con i genitori, Beatrice aveva deciso di portare anche la moto per compiere qualche tornata sul circuito croato. Cadde in un tratto veloce all’uscita dell’ultima che immette sul rettilineo d’arrivo, in un punto dove il padre non poteva seguirla con lo sguardo. L’ha vista entrare in quella curva, non l’ha vista uscire. E’ morta così Beatrice, all’istante inseguendo il suo sogno. Aveva incominciato praticando il  minicross, ma a  11 anni  ha iniziato a competere nelle gare di minimoto, classificandosi terza nel Campionato Regionale della Toscana. Poi sono arrivate le gare promozionali nella velocità con le ruote alte, con 125 Sport Production.  In crescita è diventata protagonista dell’attività del Gruppo Motocicliste; nel 2009, aveva programmato di partecipare alle gare del Trofeo Kawasaki e del Campionato Italiano Motocicliste, nell’ultima gara disputata prima dell’impatto fata di Rieka, aveva conquistato il  terzo sulla pista di Magione.

La famiglia si è adoperata per mantenere vivo la giovane figlia, in accordo con la Federazione Motociclistica Italiana è stato istituito il Trofeo Femminile FMI “Beatrice Bossini”.

Comments are closed.