Nello Pagani: un grande pilota senza tempo, vinse a 16 anni come 56.

Nello Pagani è stato un grande pilota con una e lunga e straordinaria carriera. Nacque a Milano l’11 ottobre 1911 e si è spento a Bresso (MI) il 18 ottobre 2003. Pagani iniziò a gareggiare in moto nel 1927, a 16 anni, concluse la carriera nel 1955 quando di anni ne aveva 44. Ebbe un ritorno di fiamma nel 1967 (56 anni) e volle tornare nel mondo agonistico. Con la Norton Atlas 750 corse e vinse il Giro d’Italia. Fu la sua ultima competizione prima del definivo ritiro. In tanti anni di corse salì in sella a molte moto: Orione, Mondial, Moto Guzzi, Gilera, MV Agusta e Norton. Fortissimo nei circuiti misti e in quelli veloci, si guadagnò la fama di grande stilista oltre che di specialista sul bagnato. In antitesi con la maggioranza dei piloti d’epoca, che vedevano la curva come il momento buono per guadagnare sui rivali, Nello Pagani le affrontava in modo più elegante. Fu definito dal campione della da Anderson “flemmatico come un anglosassone”. Negli anni ’30, quelli che precedettero il primo conflitto mondiale, conquistò molti successi, conquistò la piazza d’onore nel Campionato d’Europa della classe 250. Si aggiudico si aggiudico 5 titoli di Campione d’Italia (1933/36/37) nella classe 250, (1937 e 1950) nella classe 500, l’ultimo quando aveva già 49 anni. Quando, nel 1949, prese avvio la “saga” del Campionato del Mondo velocità, fu primo italiano ad iscrivere il suo nome nell’albo d’oro iridato, conquistando il titolo mondiale della classe 125 in sella alla Mondial. Aveva già 40 anni. Fu secondo con la Gilera nella classe 500. Disputò 22 gran premi, ne vinse 4 e per 11 volte salì sul podio. Nel 1950 partecipò, alla guida di una Maserati, al Gran Premio di Svizzera di Formula 1; si classificò al settimo posto, ma l’esperienza non ebbe seguito. Concluse la carriera gareggiando con la MV Agusta, in seguito ne divenne direttore sportivo. Il figlio Alberto divenne a sua volta pilota motociclistico di livello internazionale.

Comments are closed.