Arturo Magni: Il 2 dicembre 2015 e deceduto un gigante del motociclismo mondiale.

Magni Artuto 3Arturo Magni, nato il 24 settembre 1925 Usmate Velate (Milano), e deceduto il 02 dicembre 2015 a Samarate (VA). Il mondo del motociclismo piange la scomparsa di un protagonista della storia motociclistica mondiale, dei 90 vissuti la gran parte li ha spesi nel mondo dei motori. Aveva 22 anni quando, dopo aver lavorato con il padre nell’industria aeronautica Bestetti, nel 1947 fu assunto dalla Gilera, non vantava studi ingegneristici, ma passione pura per il motorismo (come un altro grande del nostro motociclismo: Massimo Tamburini) ma collaborò al montaggio del primo motore Gilera quattro cilindri di 500cc. Nel 1950 Magni passò alla MV Agusta presso il reparto corse diventandone in seguito il direttore sportivo che ha diretto fino al 1976, l’anno del ritiro dalle gare della prestigiosa azienda italiana. La sua attività nelle corse è stata coronata da 75 titoli iridati, 38 piloti e 37 costruttori. Con lui hanno gareggiato oltre ai mitici Agostini e Halwood anche generazioni di campioni: Graham, Surtees, Hocking, Ubbiali, Provini, Mendogni, Shephard, Read e Bandirola, Venturi, Grassetti, Pagani, Bergamonti, Toracca, Bonera i più noti, poi decine di piloti sulle MV nelle categorie “cadette” hanno trionfato in centinaia di corse.

Nel 1977 ha fondato la “Ditta Magni”, dopo il ritiro dalle corse della MV Agusta nel 1976, Magni si è messo in proprio costituenda l’azienda insieme ai figli Giovanni e Carlo, una ditta con il nome di famiglia che ha realizzato special motorizzate MV Agusta, Honda, BMW, Moto Guzzi e Suzuki. Negli ultimi anni il figlio Giovanni aveva assunto la direzione dell’azienda , ma Arturo non ha fatto mancare la sua fattiva presenza. Chi meglio lo ha conosciuto racconta ha sempre raccontato che, pur avendo un carattere piuttosto spigoloso, si accalorava quando, facendo appello alla sua brillante memoria raccontava aneddoti, citava dati tecnici ed ogni altro riferimento ad episodi che aveano caratterizzato la sua vita. Resterà sempre vivo il suo ricordo fra ogni appassionato di motociclismo.

Comments are closed.